Frontalieri

Quali frontalieri si considerano le persone che lavorano in Svizzera ma che hanno il loro domicilio all'estero.

Francia

Germania

Assicurazione malattia

Dall'entrata in vigore dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l'UE, il luogo di lavoro determina se una persona è coperta dall'assicurazione sanitaria. I frontalieri che vivono in Francia, Germania, Italia o Austria in particolare e lavorano in Svizzera hanno il diritto di opzione per quanto riguarda l'assicurazione sanitaria. Possono scegliere se essere assicurati secondo il sistema di assicurazione sanitaria del loro paese di residenza o in Svizzera secondo la LAMal (assicurazione sanitaria obbligatoria). Una volta che il frontaliere ha scelto un sistema, non può passare a un altro sistema di assicurazione sanitaria. Sono responsabili gli uffici competenti del vostro posto di lavoro, dove potete anche ottenere ulteriori informazioni.

L'obbligo di assicurazione si estende anche ai familiari non occupati, purché non siano soggetti all'assicurazione obbligatoria nel paese di residenza. I membri della famiglia sono il coniuge, i figli fino a 18 anni e i figli adulti a carico. L'assicurazione inizia al momento dell'inizio dell'attività lavorativa in Svizzera.

La verifica dell'obbligo di assicurazione è regolata su base cantonale in Svizzera.

Ogni cantone è responsabile di verificare se i suoi residenti o frontalieri sono soggetti all'assicurazione obbligatoria. La Gemeinsame Einrichtung KVG assume questo compito per i cantoni Argovia, Appenzello Esterno, Basilea Campagna, Basilea Città, Glarona, Uri e per i comuni di Cham, Risch Rotkreuz, Steinhausen e la città di Zugo.

Istituzione comune KVG

Elenco di altri cantoni

Assicurazioni non sulla vita

Il frontaliere deve per principio continuare ad assicurarsi nel suo paese di domicilio.

Importante

La nostra consulenza avviene secondo dei criteri oggettivi e basandosi sulle informazioni ricevute dal collaboratore. Per la conclusione definitiva, rispettivamente la non conclusione, sono responsabili esclusivamente i collaboratori stessi.